1. COSTITUZIONE- SEDE

1.1. E’ costituita una associazione denominata ”TERRAE NOVAE
L’associazione ha sede in Fiorano Modenese via Statale Est numero civico 120

2.
SCOPO

2.1.L’associazione non ha scopo di lucro ,è apolitica ed ha finalità esclusivamente culturali.

3. OGGETTO SOCIALE

3.1. L’associazione è un centro permanente di vita associativa a carattere volontario e democratico la
cui attività è espressione di partecipazione , solidarietà e pluralismo. Essa non ha alcun fine di lucro ed opera esclusivamente per fini culturali, ricreativi, e solidaristici per l’esclusivo soddisfacimento di interessi collettivi e di solidarietà sociale.

L’associazione ha per oggetto:
a) Diffondere e promuovere la conoscenza di ogni espressione dello scibile umano in campo artistico, medico, filosofico, economico, letterario attraverso l’organizzazione di mostre, convegni, corsi di istruzione e ogni altro mezzo atto allo scopo.
b)Organizzare e favorire l’incontro tra gli studiosi di ogni settore della cultura per garantire un continuo interscambio dialettico all’interno della stessa disciplina e tra discipline diverse.
3.2. L’associazione potrà , in via meramente marginale e senza scopo di lucro ,compiere qualsiasi operazione ritenuta opportuna per il conseguimento dell’oggetto sociale. Comprese le compra-vendite e le permute di beni immobili e di beni mobili soggetti a registrazione, la stipulazione di mutui e concessione di pegno o ipoteca relativamente ai beni sociali; la concessione di fideiussioni. Potrà inoltre ,sempre senza scopo di lucro ed in via meramente marginale, organizzare spettacoli, accettare sponsorizzazioni e stipulare contratti pubblicitari.

4. ASSOCIATI

4.1. Possono essere associati ordinari dell’associazione tutti coloro che ne condividano e ne accettino finalità e modi di attuazione.
Le ammissioni sono deliberate dal consiglio di amministrazione a maggioranza assoluta dei presenti.
Per ottenere la qualifica di socio , il cui numero è illimitato, occorre versare la quota associativa annuale e richiedere ed accettare la tessera dell’associazione Terrae Novae che comporterà l’accettazione del
presente statuto.
La quota associativa annuale è fissata dal C.D.A. secondo le necessità del sodalizio.
La quota è intrasmissibile e non soggetta a rivalutazioni di alcun tipo.
Il C.D.A. potrà esonerare determinati soci dall’obbligo di versamento del contributo in considerazione della loro particolare qualifica e ruolo all’interno dell’associazione .Il c. di A. determinerà di volta in volta quale sarà la prestazione alla quale , eventualmente , l’associato è tenuto ad eseguire in sostituzione del contributo finanziario.

5. DECADENZA, ESCLUSIONE, RINUNCIA

5.1. Gli associati hanno l’obbligo di lealtà e correttezza nei confronti dell’associazione Terrae Novae; obbligo che consiste nell’astenersi dal porre in essere attività contrarie allo scopo sociale o comunque idonee a creare pregiudizio e ad ostacolare il proseguimento dei predetti scopi.
La decadenza e/o l’esclusione da associato è deliberata dal consiglio di amministrazione a maggioranza di due terzi e con voto palese.
5.2. Ciascun iscritto può rinunciare in qualsiasi momento alla propria posizione di associato, presentando comunicazione scritta.
5.3. Chi recede dall’associazione ,per qualsiasi motivo, non ha diritto alcuno sul patrimonio.
5.4. La qualifica di socio si perde per :
- Morte
- Recesso
- Inadempienza agli obblighi di socio e in particolare in caso di mancato pagamento della quota associativa entro il31/01 di ogni anno .
- Per radiazione decisa dal C.D.A in caso di violazione degli obblighi di cui al precedente comma 1

6.
ASSOCIATO ONORARIO

6.1 L’assemblea può conferire la qualifica di associato onorario a coloro che abbiano particolari benemerenze.

7.
ORGANI DELL'ASSOCIAZIONE

7.1.Sono organi dell’associazione:


    8.
    RETRIBUZIONI

    8.1.Nessuna carica è retribuita . Il consiglio di amministrazione può stabilire il rimborso delle spese sostenute dagli associati incaricati di svolgere qualsiasi attività in nome e per conto dell’associazione.

    9.
    CONVOCAZIONE DELL'ASSEMBLEA

    9.1. L’assemblea , composta da tutti gli associati maggiorenni in regola con il versamento della quota associativa ,
    è convocata dal presidente.
    La comunicazione della convocazione deve essere spedita con lettera semplice agli interessati almeno d Consiglio di Amministrazione .dieci giorni prima della data fissata,o tramite avviso nella bacheca della sede legale e di tutte le sedi periferiche e deve contenere indicazioni precise sugli argomenti all’ordine del giorno , la data, l’ora, ed il luogo dell’assemblea.
    9.2. L’assemblea degli associati si riunisce in seduta ordinaria almeno una volta all’anno.
    I compiti dell’assemblea sono :
      9.3. L’assemblea si riunisce in seduta straordinaria su richiesta di almeno un terzo degli associati o di almeno un terzo dei membri del Consiglio di Amministrazione, o per volontà del presidente ogni qual volta ne ravvisi la necessità.

      10.
      DELIBERAZIONI DELL'ASSEMBLEA

      10.1 le assemblee sono valide con la presenza di tanti associati costituenti almeno la metà più uno degli associati iscritti aventi il diritto di voto e, in seconda convocazione ,qualunque sia il numero degli associati presenti.
      La seconda convocazione può avere luogo anche in giorno successivo alla prima .
      Nelle assemblee sociali ogni socio maggiorenne ha diritto di un voto e non sono ammesse deleghe a rappresentanti.
      Le deliberazioni comunque vengono prese a maggioranza dei votanti presenti.
      10.2.Alle assemblee convocate per modificare lo statuto o per sciogliere l’associazione, debbono essere presenti in prima convocazione almeno i due terzi degli associati.
      Le deliberazioni relative vanno prese a maggioranza assoluta dei presenti ed il relativo verbale deve essere redatto da notaio.

      11.
      CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

      11.1.Il Consiglio di Amministrazione , nella prima seduta , elegge a maggioranza assoluta , il Presidente , il Vice presidente , il Segretario.
      11.2.Il Consiglio di Amministrazione si riunisce ogni qual volta il Presidente lo ritenga opportuno e almeno una volta ogni sei mesi.
      Le riunioni sono valide con la presenza della metà più uno dei componenti, compreso il Presidente.
      Le deliberazioni si adottano a maggioranza semplice, eccetto quanto stabilito dal comma 11.1.
      11.3.Sono compiti del Consiglio di Amministrazione:
      a) Formulare il programma annuale da sottoporre all’approvazione dell’assemblea;
      b) Predisporre le relazioni da presentare all’assemblea sull’attività svolta:
      c) Predisporre annualmente , se obbligatorio per legge, il bilancio consuntivo;
      d)Deliberare l’accettazione di lasciti, donazioni, oblazioni e contribuzioni varie;
      e) Proporre all’approvazione dell’assemblea il regolamento interno o modifiche allo statuto;
      f) Altre delibere non riservate ad organi specifici dell’associazione.
      g) Acquistare ,vendere e permutare beni immobili ,mobili soggetti a registrazione e mobili; stipulare mutui
      e concedere pegno o ipoteca ai beni sociali; concedere fideiussioni e altre malleverie.

      12.
      DURATA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

      12.1. I componenti del Consiglio di Amministrazione durano in carica tre anni e sono rieleggibili.

      13.
      MEMBRI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

      13.1. Il Presidente ha la legale rappresentanza dell’Associazione. Presiede e convoca l’assemblea ed il Consiglio di Amministrazione ,firmandone i relativi verbali, ed ha la responsabilità di far eseguire le deliberazioni adottate dagli organi predetti , assicurando lo svolgimento organico ed unitario dell’attività dell’Associazione .
      Il Presidente sovraintende inoltre la gestione amministrativa ed economica dell’Associazione , di cui firma gli atti.
      Il vice Presidente sostituisce il Presidente in caso di suo impedimento.
      In caso di impedimento o assenza o decadenza del Presidente e del vice Presidente, gli stessi vengono sostituiti dal membro più anziano in età in seno al Consiglio di Amministrazione.

      13.2. Il segretario provvede alla compilazione del rendiconto annuale da sottoporre all’esame ed all’approvazione
      del Consiglio di Amministrazione .Tiene aggiornata la contabilità sociale nei modi stabiliti dal Consiglio di am-
      ministrazione e delle norme regolamentari e legislative in vigore, tenendo in perfetta regola i libri contabili ove
      previsti dalle leggi in vigore.
      Si occupa del registro protocollo per la registrazione della corrispondenza in arrivo e in partenza.
      Provvede alla registrazione , su apposito libro, dell’iscrizione di nuovi associati.
      Tiene aggiornato lo schedario .Redige i verbali delle sedute del Consiglio, trascrive quelle relativi alle assemblee
      generali degli associati, curando che questi ultimi siano firmati dal Presidente e dal segretario dell’assemblea.
      Firma d’incarico del presidente ,la corrispondenza , i mandati di pagamento.

      14.
      FINANZIAMENTO DELL’ASSOCIAZIONE

      14.1. Le spese occorrenti per il funzionamento dell’Associazione sono coperte dalle seguenti entrate:
      a) le quote ordinarie degli associati;
      b) entrate derivanti da eventuali lasciti e donazioni;
      c) le erogazioni conseguenti agli stanziamenti eventualmente deliberati dallo Stato, dalla regione , da enti
      locali e da altri enti pubblici e/o privati.
      d)I proventi derivanti dall’attività commerciale svolta in via accessoria e assolutamente marginale dell' associazione

      14.2. Tutte le predette entrate costituiranno patrimonio dell’Associazione.
      14.3. I bilanci consuntivi debbono essere depositati presso la sede dell’associazione almeno dieci giorni prima della convocazione dell’assemblea.
      14.4. L’esercizio finanziario coincide con l’anno solare.

      15.
      BILANCIO

      Il bilancio dell’Associazione si chiude il 31/12 di ogni anno.
      E’ assolutamente vietata qualsiasi forma di distribuzione di utili, fondi o riserve durante la vita dell’Associazione.

      16.
      FONDO DI COSTITUZIONE.

      16.1. Il fondo è costituito dalle contribuzioni che gli associati fondatori fanno alla costituzione dell’associazione.
      Gli associati ordinari contribuiscono al fondo con la quota asssociativa.

      17.
      SCIOGLIMENTO

      17.1.Nel caso di cessazione dell’attività ,per le cause previste dal Codice civile ,lo scioglimento è deliberato dall’assemblea , la quale provvederà alla nomina di uno o più liquidatori, determinandone i poteri e gli eventuali compensi.
      17.2. In caso di scioglimento dell’associazione tutto il patrimonio della stessa , sarà devoluto ad altre associazioni aventi finalità analoghe o a fini di pubblica utilità.
      17.3. Per tutto quanto non previsto dal presente statuto si farà riferimento alle leggi e regolamenti dello Stato
      in materia specifica.

      18.
      NORME TRANSITORIE.

      18.1. Per assicurare un regolare processo di organizzazione della associazione , ed in attesa che si costituisca un numero sufficiente di associati, gli associati fondatori nomineranno un comitato provvisorio di
      cinque membri che prenderà tutti gli opportuni provvedimenti per assicurare, nel più breve tempo possibile , il regolare funzionamento dell’Associazione secondo le norme statutarie.
      Il comitato provvisorio rassegnerà il suo mandato in occasione della prima assemblea degli associati dell’Associazione.
      Fiorano Modenese, li 02/01/1999